SANT SULPICE

Durante i lavori di costruzione dell'attuale chiesa nel 1724, venne riscoperta una pietra tombale risalente al X secolo, fatto che per molto tempo ha fatto discutere gli storici circa l'antichità della costruzione della chiesa di Saint-Sulpice di Parigi. Questo ritrovamento, infatti, proverebbe l'esistenza di un luogo di culto e più propriamente di un cimitero che vi sorgeva attorno già da epoche remote. Tra il XII ed il XIV si sa per certo che la cappella precedente venne abbattuta ed al suo posto vi venne eretta una chiesa vera e propria. I lavori vennero promossi da Francesco I di Francia e vennero completati nel 1614 con l'apposizione anche di tre cappelle. Questa necessità pervenne dall'ingrandirsi degli allora borghi di Saint-Germain-des-Prés e Saint-Germain e quindi da qui la necessità di costruire una chiesa più grande per accogliere un sempre maggiore numero di fedeli e in questo l'antica cappella si era dimostrata insufficiente in quanto i posti erano limitati ad alcune dozzine. La chiesa venne ricostruita a partire del 1645 ed il progetto affidato all'architetto Christophe Gamard su incarico dell'abate di Saint- Germain-des-Prés con la posa della prima pietra ad opera di Gastone d'Orleans. La nuova chiesa venne largamente voluta anche dal parroco, Jean-Jacques Olier, insigne teologo che fu anche fondatore dell'omonima congregazione sacerdotale con sede nella chiesa stessa. Il progetto, ad ogni modo, si dimostrò ben presto inadatto alla nuova chiesa ed i lavori vennero così bloccati e un nuovo progetto venne affidato agli architetti Daniel Gittard e Louis Le Vau che il 20 febbraio 1655 consentirono finalmente alla regina Anna d'Austria di posare ufficialmente la prima pietra della nuova costruzione. Il cantiere si fermò dal 1678 al 1718 per mancanza di fondi. In totale la chiesa impiegò 130 anni per venire completata.La facciata, con doppio colonnato ionico, di stile neoclassico, è opera di Giovanni Niccolò Servandoni, architetto e decoratore, realizzata tra il 1732 ed il 1754, tra difficoltà e modifiche. La torre sud risale al 1749, rimasta incompiuta, è opera di Oudot de Maclaurin. La facciata è stata restaurata nel 1777, sotto la guida di Jean Chalgrin che ha realizzato anche la torre nord; in quest'occasione, fu terminato il campanile dalla ricca iconografia e vi fu posta una delle campane più grandi della capitale. La chiesa è dal 20 maggio 1915 monumento nazionale di Francia.

2008 - tutti i diritti sono riservati

  • Facebook Social Icon

Via. A. Vespucci, 7 - Pero (MI)

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now